Nutrizione

Protezione del giardino della casa

Protezione dell'orto e del frutteto

Scopri di più su Barbabietola


Famiglia: Chenopodiaceae  - Specie: Beta vulgaris

 

Origine

La barbabietola ha origine dal bacino del Mediterraneo dall'Asia sud-occidentale e la sua coltivazione come pianta da orto è antica, era praticata da Greci e Romani. 

Caratteristiche

La barbabietola è una pianta erbacea biennale (annuale in coltura) la cui radice può raggiungere 12 cm di diametro, le foglie sono simili a quelle delle Coste (appartengono alla stessa faniglia) e la radice può assumere colorazione da rosa a rosso violaceo.

Come coltivare

La barbabietola riesce ad adattarsi a tutti i tipi di terreno anche se predilige quelli profondi e ben drenati. Si semina inn pieno campo in primavera, a partire da marzo e fino a giugno.

Essendo una pianta biennale, se si semina troppo presto o in presenza di gelate tardive può andare in prefioritura. La distanza tra le file è di circa 25 cm e di 10 cm sulla fila e il seme va interrato a 2/3 cm di profondità.

La barbabietola si accontenta di una concimazione moderata , è sufficiente concimare prima della semina o del trapianto con  Solabiol Orti e Giardini (Solabiol Orto domestico in caso di piccole superfici), concime con tecnologia Natural Booster (80g/m²).

La barbabietola ha bisogno di umidità costante quindi gradisce irrigazioni frequenti ma leggere, quantitavivi abbondanti di acqua favoriscono la produzione  di fogliame a scapito della radice e in alcuni terreni possono generare ristagni.

Proprietà

Il suo succo ha notevoli proprietà infatti è ricco  di polifenoli che hanno un forte potere antiossidante e contiene anche molti microelementi.

Curiosità

Tra le barbabietola esiste la varietà da zucchero e la sua importanza come pianta saccarifera risale al Settecento quando il chimico Margraff scoprì nella barbabietola lo zucchero cristallizzabile. Dopo diversi anni di studi il primo zuccherificio fu costruito nel 1801 a Cunern, nella Bassa Slesia (attuale Polonia).

Avversità

La coltivazione di barbabietole teme l’altica, gli afidi e il ragnetto rosso, nottue ed elateridi e il grillotalpa.

La barbabietola può essere attaccata da peronospora, batteriosi, mal del piede e cercosporiosi.