Nutrizione

Protezione del giardino della casa

Protezione dell'orto e del frutteto

Scopri di più su Geranio

Famiglia: Geraniaceae - Genere: Pelargonium

Geranio, o Pelargonio

 

Regina dell’estate, il geranio è la più comune pianta fiorita che colora balconi e terrazzi, da primavera a fine estate.

 

Origine

Le specie di geranio coltivate sono originarie prevalentemente dell’Africa meridionale (provincia del Capo), alcune provengono dalla Siria, dall’Australia e dall’India. La loro coltivazione in Europa venne introdotta nel XVII secolo, in seguito a viaggi esplorativi compiuti da naturalisti e botanici europei. 

 

Le Varietà

Il genere Pelargonium comprende numerose specie e varietà coltivate, molte delle quali ottenute per ibridazione:

-  Pelargonium zonale, comunemente chiamato “geranio zonale”, è quello più diffuso;

-  Pelargonium grandiflorum, o “geranio imperiale”, produce grandi fiori;

-  Pelargonium peltatum, o “geranio edera o parigino”, ha foglie simili all’edera e portamento strisciante;

-  Pelargonium odoratissimum, P.graveolens e P.rosa, o “gerani odorosi”, hanno foglie profumate, per le proprietà di oli essenziali in esse contenute. 

Caratteristiche

Il geranio è la pianta più diffusa sui balconi italiani. Si tratta di una pianta arbustiva con fusto carnoso, semilegnoso nella porzione basale, sul quale sono inserite foglie alterne, con lungo picciolo, cuoriformi a margine dentellato, leggermente tomentose.

I fiori si aprono da primavera per tutta l’estate fino a inizio autunno. Sono riuniti in infiorescenze a ombrella, portate da un lungo stelo, e composti di cinque petali di colore variabile, rosa, rosso, viola, bianco, variegato. Terminata la fioritura, si sviluppano bacche allungate e sottili.

Geranio farfalla

Come coltivare il Geranio: cura e giusta collocazione

Coltivate il geranio sul davanzale del terrazzo o del balcone, in una posizione ben illuminata ed esposta al sole. La mancanza di luce determina l’ingiallimento delle foglie e l’indebolimento della pianta. Il geranio ama il caldo e tollera temperature anche molto alte, soffre invece con temperature inferiori ai 10°C e in presenza di correnti d’aria.

Bagnate durante la stagione vegetativa in base alle temperature e alle esigenze, in media una volta ogni 2-3 giorni: prima di innaffiare, controllate le condizioni di umidità del terriccio e regolatevi di conseguenza, bagnando solo quando il terriccio si sarà asciugato. Eccessi e ristagni idrici, infatti, sono dannosi per la pianta, in quanto determinano l’insorgenza e lo sviluppo di marciumi radicali.

Pulite regolarmente le piante eliminando le foglie secche e i fiori appassiti, recidendo lo stelo all’inserzione sul ramo. In questo modo, darete spazio allo sviluppo di nuovi fiori per tutta la stagione estiva.

Fiore di geranio rosso

 

Come ottenere abbondanti fioriture

 

Per uno sviluppo ottimale della pianta, fornite gli elementi nutritivi necessari mediante fertilizzazione. Applicare il concime granulare per Piante Fiorite arricchito con la tecnologia Natural Booster prima della ripresa vegetativa (fine inverno) o al rinvaso (50 g/m2 o 15 g per vaso) ed effettuare una seconda applicazione 5 settimane dopo con lo stesso quantitative. I granuli di concime rilasciano gradatamente gli elementi essenziali alla pianta, nutrendo la pianta per circa 4 mesi.

     

Pulite regolarmente le piante eliminando le foglie secche e i fiori appassiti, recidendo lo stelo all’inserzione sul ramo. In questo modo, darete spazio allo sviluppo di nuovi fiori per tutta la stagione estiva.

Malattie del geranio

 

Controllate periodicamente la comparsa di malattie o parassiti sui vostri gerani, così da intervenire immediatamente con le cure opportune.

Il geranio può ammalarsi a causa di:

- Ruggine

- Farfallina del geranio (Cacyreus marshalli)

- Carenza o eccesso di concime

- Marciumi

- Parassiti minori (afidi, aleurodidi, cocciniglie, acari, ecc.)

- Tutte le malattie del geranio

Il rinvaso

 

Al momento dell'acquisto, i gerani presentano un terriccio inadeguato e povero di elementi nutritivi; i substrati sono infatti solitamente ricchi di torba che ha scarsa capacità di trattenere i nutrimenti. Questo si traduce in una dotazione che non permetterebbe alla pianta di esprimere i migliori risultati. Si consiglia, quindi, di rinvasare la pianta appena acquistata, con un terriccio adeguato e una concimazione che favorisce la fioritura.

La concimazione

Il geranio è una pianta molto esigente in fatto di elementi nutritivi, per questo la concimazione è importante quanto l'esposizione alla luce e la giusta temperatura.

 

Talea e moltiplicazione

La potatura permette di moltiplicare le ramificazioni e quindi le possibilità floreali della pianta.

 

I gerani in inverno

Proteggere i gerani dal gelo dell’inverno è importante per salvaguardarli e assicurare una buona fioritura nella stagione calda.

Lo sapevi che... Curiosità sul Geranio

 

Il nome Pelargonium deriva dal greco “pelargos”, cioè cicogna, mentre il nome Geranium da “geranos”, cioè gru: in entrambi i casi, il significato del nome si riferisce alla forma allungata e sottile dei suoi frutti, simili al becco di una cicogna o alla testa di un uccello.

Le varietà di geranio odoroso sono efficaci per tenere lontane le zanzare! Gli oli essenziali (geraniolo e citronella) contenuti nei tessuti delle loro foglie, infatti, hanno un’efficace azione repellente nei confronti di questi insetti: vasi di gerani odorosi sul balcone creano un’utile barriera per proteggere la casa dall’invasione delle zanzare: accarezzate le foglie di queste piante per stimolare l’emissione del loro profumo nell’aria.