Nutrizione

Protezione del giardino della casa

Protezione dell'orto e del frutteto

Scopri di più su Ortensia

Specie: Hydrangea - Famiglia: Hydrangeaceae

Origine

Anche conosciuta con il nome “Ortensia”, l’Hydrangea comprende circa 75 specie di piante ornamentali, originarie del sud est asiatico e dell’America settentrionale e meridionale. Viene coltivata come cespuglio, ma anche ad alberello o come rampicante. Esistono specie di Hydrangea sempreverdi o decidue; le varietà più comuni sono comunque decidue.  

Ciclo colturale

L’Hydrangea fiorisce per un periodo lungo: emette capolini larghi, costituiti da molti fiorellini, da fine primavera in avanti. Viene coltivata prevalentemente come cespuglio nei giardini, sia in aiuole che in vaso. La maggior parte delle varietà coltivate deriva da Hydrangea macrophylla.

Esistono principalmente due tipi di fiore:

- Mopheads produce fiori larghi e tendenzialmente di forma sferica; viene utilizzata per costituire siepi e ha la caratteristica di cambiare colore, in funzione del pH del terreno.

- Lacecaps produce fiori più piatti e meno compatti. Raggiunge un’altezza e una estensione di circa 1,5 m.

Tra le altre varietà:

- Hydrangea quercifolia, caratterizzata da foglie simili a quelle della quercia e fiori di forma conica;

- Hydrangea arborescens, tra cui “Annabelle”, caratterizzata da fiori bianchi, enormi;

- Hydrangea paniculata, tra cui la “Limelight” di colore crema-menta pallido.

Esiste, inoltre, una varietà rampicante, la Hydrangea petiolaris, che in estate produce fiori piccoli, bianchi e può raggiungere un’altezza di 15 m.

Come coltivare

La Hydrangea ama stare in ambienti freschi, in semiombra, su terreni umidi e ben drenati. Pacciamate regolarmente il terreno con materiale organico come compost di foglie o da giardino. Bagnate abbondantemente nei periodi di siccità. L’acqua piovana è ideale per le Hydrangea. L’acqua del rubinetto, solitamente troppo dura, tende a variare il colore da blu a rosa.

Per mantenere la forma della pianta, rimovete i rami secchi e i fiori appassiti in qualsiasi periodo dell’anno. I fiori secchi possono essere tagliati subito dopo la fioritura, tuttavia, se durante l’inverno vengono lasciati sulla pianta (nelle varietà mopheads), proteggeranno le nuove gemme dal gelo.

L’Hydrangea fiorisce sui rami dell’anno precedente, caratteristica da tenere in considerazione durante la potatura, eseguita a fine inverno o inizio primavera. Tagliate i rami vecchi per stimolare l’emissione di nuovi germogli. E’ possibile anche rinnovare la pianta tagliando tutti i rami; in questo caso, però, la pianta fiorirà l’anno successivo. Hydrangea paniculata e Hydrangea arborescens richiedono potature drastiche in primavera.  

Propagazione dell’Hydrangea

In estate, prelevate rami semilegnosi dalle piante e poneteli a radicare in serra o su un davanzale. Per ridurre la traspirazione, tagliate le foglie a metà orizzontalmente.

Lo sapevi? Curiosità sull’Hydrangea

La coltivazione dell’Hydrangea, introdotta nelle isole Azzorre (Portogallo), si è molto diffusa, soprattutto a Faial, conosciuta come l’”isola blu”, proprio per l’abbondante coltivazione di Hydrangea blu.